Journey to Utopia

Remembering Here&Now

Broadcast by Italian TV RAI in 1972, this rare footage shows Osho conducting a meditation camp and records his reply to a question by journalist Giovanni Costa (with English translation!).

Watch on YouTube

Viaggio nell’Utopia di Giovanni Costa – 1972
RAI (Italian National Television)
Voice-over by renowned film actor Arnoldo Foà

[location could be Mumbai rather than Pune as mentioned, ed.]

Translation

We are in Poona, in South India, among the meditating disciples, many of them Westerners, of a famous philosopher and guru, the Acharya Bhagawan Shree Rajneesh.

What is now going to happen is the drama of sannyas, an initiation into life of the spirit, to consciousness of being through meditation. It seems unbelievable that these people, who will shortly be beset by an uncontrolled frenzy of the senses, are practicing meditation. Their bodies will explode, all their compressed energy will be released with maximum violence. But once they have reached the pinnacle of physical effort and mental tension the next reaction will be calm relaxation and peace of mind. This scientifically controlled physiological process also draws on the ancient Indian discipline of Yoga. And at its climax we should reach the highest spiritual stage, dhyan, the intimate fusion of the individual with the absolute, the identity with all, total consciousness or total mind.

 

Osho gives instructions before the meditation:

A communion with the sky… Something is descending in communion with you. When you will feel part of this communion let it express itself through any spontaneous gesture, allow the bliss that flows within you, with laughter, with tears, with dance and any other movement of the body.

When something else happens to you, express it with gratefulness to the divine.

Before giving thanks I will give you instructions after the third stage of deep silence. Now express your bliss.

[Gopala Bolo sung by Taru]

 

Interview with disciples:

Q: Why have you started sannyas? Have you found yourself?

First sannyasin: Not yet, not completely; but I have looked in many places, each different from each other, to discover something more about myself, to know more about the meaning of life. I experimented with different ways to live life more fully but, among the many ways, this seems to be the best.

Second sannyasin: My life before was empty; I realized that in a way I was clinging to the past in an effort to live for the future. I sensed that what was taking place around me did not represent what I thought existence could offer; but I felt that something very significant would happen. Now I live in the present. Past and future are dimensions that do not exist. Being a sannyasin means dying to the past and to live the present in every moment.

[catharsis]

 

Osho’s instructions for third eye meditation

I must tell you again, after the second step you have to put the right palm between the eyebrows and then rub it sideways, up and down for one minute continuously. Energise that point, the centre from which it goes inwards. Rub it! A very thin screen is there and has to be dropped, the screen that hides the third eye.

Thanks to the abundant flow of energy, thanks to the energy that will flow through you, the palm of your hand will create the channel through which the energy will flow where the third eye is. Do this for a minute, then go in deep silence in the third step. So now we will begin.

 

Osho replying to interviewer (translated from Italian):

The society in the West has reached its logical conclusion, a conclusion consistent with its assumptions because, I think, the Western society has been founded and is based on reason alone, while everything else, which nevertheless is part of the human soul, has been denied. But each time someone tries to be only rational, the route of life is interrupted and denied. Society becomes just something artificial in which you cannot live anymore. For this reason the East has become a point of deep attraction and has become so fascinating for people from Western Europe.

Westerners come here to find their way into their unconscious, the irrational part of their being. The reason has been refuted, after they have seen that reason led them to a point where the whole loses its meaning. Reason has become like a strait-jacket in which life is impossible. And so is everything that is not rational that needs to assert itself. And it’s only the East that can still make a contribution to the non-rational, because the East has remained deeply irrational. We do not think that reason alone is sufficient, we rather believe that what is NOT rational is the juice of life – because life itself is not rational.

Perhaps the West will soon become East – and there is another possibility of which you might not be aware of – I mean it could happen that the East becomes West. You see, even the East is at a turning point and is attracted by Western science, as much as the West is attracted by the Eastern spirituality.

This century may witness a role-play: the West is exchanged with the East and vice versa. The West is tired of being only logical and the East is tired of being illogical. Both of these worlds have arrived at the peak of its own assumptions. And each time it reaches to the top, to a peak, it seems to me to be totally logical to admit that you cannot do anything else than go down. The way society has organised itself so far, man has always been divided. The East has taken a partial role and the West has taken another partial role. It was a choice, but no one has ever wanted to accept the entire role, the way it is.

The East has chosen the unconscious, the emotions, the depth, but this is still a part of the whole. The West has chosen the rational, that which is more utilitarian, but also this is still just a part.

For me, a synthesis is something without meaning; instead, a transcendence is possible. And I hope it will happen. But transcendence is something completely different from a synthesis. In a synthesis both substances remain detectable, but in a transcendence, in a transformation [?], both disappear. And there is not a new arrangement of the components but a new reality, something that is born – and it is totally new.

This new thing will be the total mind, it will not be either Eastern or Western but something universal, a global human consciousness. This overcoming will make the opposites complementary to each other. So, the future has a wealth to reveal that has previously never been revealed. But this equilibrium will be there only when the East, as such, will die and when also the West, as such, will die as well.

What is happening right now is just a simple exchange of clothes. This is not the way to solve the problem. It is only good enough to share the load we carry.

As long as man remains like this – do not exchange the load, do not be attracted to the opposite, but if you feel the pull of this attraction, try to transcend it.

 

Transcribed and translated by Osho News

Read related article The Occult Science of the Third Eye

 

Transcription

Info in YouTube: Intervista a Osho Rajneesh concessa alla Rai (televisione italiana) nel 1972 e tenuta a Puna, in India. Voce fuoricampo di Arnoldo Foà.

Siamo a Poona nell’India del sud fra i discepoli meditanti, molti dei quali occidentali, di un insigne filosofo e guru, l’Acharya Bhagawan Shree Rajneesh. Quello che ora sta per compiersi è il dramma del sannyas, una iniziazione alla vita dello spirito, alla coscienza di essere attraverso la meditazione. Sembra incredibile che queste persone tra breve in preda ad una incontrollata frenesia dei sensi stiano praticando la meditazione. Il loro corpo esploderà, tutta l’energia compressa in loro verrà liberata con il massimo della violenza. Ma raggiunto l’apice dello sforzo fisico e della tensione mentale la reazione successiva sarà il completo rilassamento la calma, la pace della mente.

Questo processo fisiologico, anche scientificamente controllato, attinge alla millenaria disciplina indiana dello yoga. E al culmine di esso dovrebbe raggiungersi il piú alto stadio spirituale, il dhyan, l’intima fusione dell’individuo con l’assoluto, l’identità col tutto, la coscienza totale o mente totale.

Qualcosa sta scendendo in comunione con voi. Quando vi sentirete parte di questa comunione lasciate che essa si esprima attraverso qualsiasi gesto spontaneo. Lasciate che prorompa la beatitudine che fluirà dentro di voi
con il riso, con le lacrime, con la danza e ogni altro movimento del corpo. Quanto altro vi succede esprimetelo come un ringraziamento al divino. Prima del ringraziamento io vi darò le soluzioni [istruzioni?, ed.]. Dopo il terzo stadio di silenzio profondo, date espressione ora alla vostra beatitudine.

 

Interview with disciples:

Q: Perché ha iniziato il sannyas? Ha ritrovato se stesso?

First sannyasin: Non ancora, non completamente ma ho cercato in molti luoghi, diversi l’uno dall’altro, di scoprire qualcosa di piú di me stesso, di piú sul significato della vita. Ho sperimentato modi diversi per vivere la vita piú compiutamente ma fra il molti questo mi sembra il migliore.

Second sannyasin: La mia vita prima era vuota; mi accorgevo che in un certo modo andavo aggrappandomi al passato nello sforzo di vivere in funzione del futuro. Intuivo che quanto si svolgeva intorno a me non rappresentava ciò che di piú significativo può offrire l’esistenza, ma sentivo che qualcosa di veramente significativo sarebbe avvenuto. Ora vivo nel presente. Passato e futuro sono dimensioni che non esistono. Essere un sannyasi significa morire al passato e vivere il presente in ogni momento.

 

Osho’s instructions:

Ecco, dopo la seconda fase mettete il palmo della mano destra tra i sopracigli e strofinate per un minuto da destra verso sinistra e dall’altro in basso in continuazione. Cosí stimulerete quel punto, il centro dal quale si discende nell’interno, nell’intimità dell’io. Strofinate il palmo della mano finché lo schermo che esiste sulla fronte non sia caduto, lo schermo che nasconde il terzo occhio.

Grazie al fluire abbondante dell’energia, grazie all’energia che scorrerà in voi, il palmo della mano vi verrà il canale attraverso cui l’energia scorrerà là dove risiede il terzo occhio. Questo per un minuto, poi nella terza fase osservate un profondo silenzio.

 

Osho’s answers to interviewer:

La società occidentale ha raggiunto la sua logica conclusione, una conclusione coerente coi suoi presupposti, perché secondo me la società occidentale è stata fondata e si è basata sulla sola ragione mentre tutto il resto, che pur fa parte dell’animo umano, è stato negato.

Ma ogni volta che qualcuno tenta di essere soltanto razionale gli itinerari della vita vengono interrotti e negati. La società diventa allora soltanto qualcosa di artificiale nella quale non si può piú vivere. Per questo l’oriente è diventato un punto di profonda attrazione, è diventato cosí affascinante per la gente dell’Europa occidentale.

Gli occidentali vengono qui per trovare la loro strada nel loro inconscio, nella parte irrazionale del loro essere. La ragione è stata confutata, visto che la ragione li ha condotti in un punto in cui il tutto perde di significato.

La ragione è diventata come una giacca troppo stretta nella quale la vita risulta impossibile. Cosí è tutto ciò che non è razionale che deve affermarsi. Ed è solo l’oriente che può ancora fornire un contributo al non-razionale, perché l’oriente è rimasto profondamente non-razionale.

Noi non riteniamo che la sola ragione sia sufficiente, riteniamo invece che proprio ciò che NON è razionale sia il succo dell’esistenza – perché essa stessa non è razionale.

Forse l’occidente diventerà presto oriente – e c’è un’ulteriore possibilità della quale non potreste essere al corrente, voglio dire che potrebbe accadere che l’oriente diventasse occidente, Perché vedete, anche l’oriente si trova ad una svolta e si sente attratto dalla scienza occidentale, tanto quanto l’occidente si sente attratto dalla spiritualità orientale.

Questo secolo potrebbe assistere a un gioco delle parti: l’occidente che si scambia con l’oriente e vice versa. L’occidente è stanco di essere soltanto logico e l’oriente è stanco di essere soltano illogico. Entrambi questi mondi sono arrivati al vertice dei propri presupposti.

Ed ogni qualvolta che si raggiunge un picco, una vetta, mi sempra del tutto logico ammettere che non si possa far altro che scendere. Cosí come la società si è organizzata fino ad ora, l’uomo è stato sempre diviso. L’est ha assunto un ruolo parziale e l’ovest un’altro ruolo parziale. È stata una scelta, ma nessuno ha mai voluto accettare il ruolo completo cosí come esso è.

L’oriente ha scelto l’inconscio, le emozioni, il profondo – ma ciò è pur sempre una parte del tutto. L’occidente ha scelto il razionale, ciò che vi è di piú utilitaristico, ma anche tutto questo è pur sempre una parte.

Per me una sintesi è qualcosa senza significato; invece una trascendenza è possibile. E io spero che avvenga. Ma una trascendenza è qualcosa di completamente diverso da una sintesi. In una sintesi entrambe le sostanze restano individuabili, ma in una trascendenza, in un superamento, entrambe spariscono. Non vi è una nuova disposizione dei componenti ma una nuova realtà, qualcosa che nasce – ed è completamente nuovo.

Questa cosa nuova sarà la mente totale, che non sarà né orientale né occidentale ma qualcosa di universale, una coscienza umana globale. Tale superamento renderà gli opposti complementari tra loro. Cosí il futuro ha una richezza da rivelare che mai precedentemente era stata rivelata. Ma questo equilibrio ci sarà soltanto quando l’oriente, in quanto tale, morirà e quando anche l’occidente, come tale, morirà a sua volta.

Ciò che si sta verificando adesso è solo un semplice scambio di abiti. Questo non è affato il modo di risolvere il problema. Servirà solo a scambiarsi il peso da portare.

Finché l’uomo resta cosí non scambiatevi il carico, non siate attratti dagli opposti, ma se sentite la spinta di questa attrazione cercate di trascenderla.

Comments are closed.